Translation

The oldest posts, are written in Italian. If you are interested and you want read the post in English, please use Google Translator. You can find it on the right side. If the translation is wrong, please email me: I'll try to translate for you.

martedì, novembre 21, 2006

2 giorni con Tom Kyte...

Credo fosse estate o giù di lì quando lessi che Tom Kyte sarebbe venuto a Roma per tenere il suo primo seminario in Italia. Ricordo che come un bambino, ero tutto emozionato all'idea di poter seguire personalmente l'autore di ben 3 libri incredibili (tutti acquistati ovviamente).

Dovevo assolutamente partecipare. Ed infatti mossi mari e monti per cercare di non mancare l'appuntamento. Come a scuola, seduto nell'ultima fila ero armato di auricolari per ascoltare la traduzione in italiano (già, purtroppo ho questa mancanza: l'inglese): non mi sono perso una sola parola di quanto il buon Tom ha detto.

Ma ovviamente dovevo fare qualcosa. Dovevo segnare quel giorno e così alla fine della seconda giornata ho fatto 3 domande.

* Domanda. Come capire se soffro di "Write Consistency" (un effetto collaterale della "lettura consistente" che Oracle mette a disposizione)?
* Risposta. Non esistono particolari tecniche che consentono di individuare se la nostra applicazione è sotto l'effeto del "Write Consistency". L'unico suggerimeto è quello di lanciare una prima volta lo statement dopo aver messo sotto trace la nostra sessione e leggere i corrispondenti valori di "query" e "current" dall'output del file prodotto. Lanciare quindi una seconda volta lo stesso statement e ricontrollare il file di trace prodotto. Se siamo nelle condizioni di "Write Consistency", allora vedremo il valore "current" molto maggiore rispetto al caso precedente. E dovremmo basarci solo sul valore di "current" e non quello di "query", perché i blocchi letti in modo consistente in questo contensto non fanno testo (di fatto possiamo dire che il 95% delle letture sul db avviene dagli undo segment)

* Domanda. La seconda invece è stata relativa ad una cosa che avevo letto sul libro "Effective Oracle by Design". Non so se ricordate, ma ad un certo punto Kyte dimostra che spostare il codice di un trigger in una stored procedure (meglio in un package ovviamente) porta ad un guadagno in performance. Non dice tuttavia il perché di questo miglioramento. Quale occasione migliore della sua stessa presenza per avere una risposta?
* Risposta. Ebbene, ciò che succede è che Oracle esegue il cache del codice PL/SQL delle stored procedure (e quindi dei package) ma non di quello dei trigger. Spostando quindi la logica fuori dal trigger, consentiamo al db di effettuare meno parsing, guadagnando quindi in performance. Questo spostamento del codice fuori dal trigger non sarà più necessario a partire dalla versione 11g in quanto Oracale effetuerà anche il caching del codice PL/SQL di un trigger.

* Domanda. Ed infine una cosa che dovevo assolutamente sapere: quando uscirà il suo prossimo libro.
* Risposta. Purtroppo sembra che non lo abbia ancora finito di scrivere. Ci tocca quindi aspettare.

Ma non basta. Mi sono fatto firmare anche gli ultimi due libri (se riuscivo a trovare quello su 8i, mi sarei fatto autografare anche quello) che aveva scritto.

Insomma un evento eccezionale a cui non potevo assolutissimamente mancare. Che figata. Pensate, da anni seguo ciò che scrive sul suo sito e leggo gli aricoli che scrive su Oracle Magazine ed adesso addirittura ho seguito un suo seminario.

Wow.

Un commento sul corso. La struttura è stata di tipo standard:

Giorno 1
========
1. The Tools I Use
2. All About Binds
3. SQL Techniques
4. Read and Write Consistency

Giorno 2
========
1. Effective Schema
2. 10gR1
3. 10gR2

Come già detto è stato molto bello e direi anche emozionante (almeno per me). La seconda giornata però, mi duole ammetterlo, ha disatteso le mie aspettative. Si è parlato fondamentalmente delle nuove caratteristiche della 10g: utile sicuramente, ma un corso di "New Features" lo possono sostenere tutti. Lui, Tom, poteva puntare in alto anche il secondo giorno ed invece si è limitato a descriverci cosa è stato introdotto nell'ultima release del db e come sfruttare tale caratteristiche.

...e adesso posso dire....io c'ero!!!!! Il prossimo appuntamento, se ci riesco, è il 6-7 Febbraio 2006 a Milano per ascoltare e seguire un'altro mostro sacro: Jonathan Lewis. Quì il link dell'agenda.

Il materiale, slide e codice di esempio, lo si trova sul suo sito nella sezione "Files": il titolo è Denmark_Italy.zip. Spero presto di scrivere presto un resoconto di queste due indimenticabili ed incredibili giornate sul mio sito web.

1 commento:

Mary Ann ha detto...

L'Oracolo Mystifying?